Vivere nei pressi di un petrolchimico

Vivere nei pressi di un petrolchimico

Gianmarco Baldini di Mantova

La testimonianza di Gianmarco che vive nei pressi di un petrolchimico, quindi in una zona fortemente inquinata e combatte l'inquinamento indoor con il sistema di purificazione dell'aria Gioel.

Viviamo in città sempre più inquinate, in cui l'atmosfera è colma di sostanze nocive per la nostra salute. Gli studi mettono in evidenza come le alte concentrazioni di sostanze inquinanti nell'aria delle città italiane siano causa di migliaia di decessi e ricoveri ospedalieri ogni anno, e di decine di migliaia di disturbi bronchiali, asmatici e cardiovascolari.
Dalle valutazioni dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità, risulta che in Italia ogni cittadino perde in media 9 mesi di vita per esposizione al particolato. Il Centro Europeo Ambiente e Salute dell’OMS ha condotto degli studi sull’impatto delle polveri sottili e dell’ozono, da cui risulta che nei 30 capoluoghi di provincia della pianura padana il numero di morti a causa dello smog potrebbe presto superare  i 7 mila all’anno.

Mantova, luogo di residenza di Gianmarco, è una delle città italiane più esposte all’inquinamento, causato dallo smog, ma soprattutto dalla presenza di grandi insediamenti industriali e di un polo petrolchimico con impianti di raffinazione a ridosso della città.

“ Conosco molte persone che soffrono di gravi disturbi respiratori a causa dell’inquinamento a cui è soggetta la nostra città. Mantova è spesso coperta da una cappa grigia di smog, che si forma anche a causa della nebbia, e l’atmosfera è densa di umidità e di agenti inquinanti, sia d’estate che d’inverno. Questa situazione mi preoccupava da anni, soprattutto da quando anch’io ho cominciato a soffrire di disturbi respiratori ed ho visto molte persone colpite da malattie gravi, anche tumori, quasi certamente dovuti all’alta concentrazione di inquinanti.

Anche l'inquinamento causato dalle auto è notevole. Mantova è circondata dai laghi e per attraversarla e passare da una parte all’altra della città le vie sono poche e obbligate. Ecco che si finisce tutti in coda ad attraversare le zone del centro, mentre noi abitanti siamo costretti a combattere quotidianamente contro le polveri sottili che salgono dalle strade e che ci costringe spesso a tenere le finestre chiuse.
I cittadini protestano da anni per questa situazione, e vorrebbero vedere il polo petrolchimico trasferito altrove, lontano da un luogo densamente abitato come una città. Nel frattempo nascono iniziative per la riduzione dello smog dovuto al traffico, ad esempio di recente un gruppo  di mamme ambientaliste si è mobilitato per proporre un referendum cittadino in cui avanzare alcune proposte di provvedimenti che potrebbero farci tornare a respirare aria più pulita in città.
A livello collettivo qualcosa si sta muovendo lentamente, ma i tempi sono lunghi, per questo nel frattempo ho cominciato a fare qualcosa di concreto per la salute di tutta la mia famiglia.
Da quando è nato mio figlio, Nicola, ogni giorno sanifichiamo l’aria di casa utilizzando il sistema di purificazione dell’aria G420 Air, che aspira l’aria nelle stanze di casa e la purifica da microparticelle e polveri sottili.
Abbiamo capito infatti che l’inquinamento esterno, se non lo si combatte nella maniera più adeguata, finisce per trasferirsi anche all’interno delle abitazioni. Grazie al sistema di purificazione dell'aria Gioel ora sono convinto di poter fare qualcosa di certo nella lotta all’inquinamento indoor.
Inoltre, vista la nostra avversione per le sostanze chimiche, finalmente con Gioel abbiamo trovato un sistema per pulire la casa utilizzando solo acqua, eliminando completamente detergenti e disinfettanti chimici”.

DAL 3 AL 21 AGOSTO GLI ORDINI SULLO SHOP ON LINE NON SARANNO EVASI CAUSA CHIUSURA AZIENDALE